G. Carducci 20, 52210 Rovinj-Rovigno - Tel.: +385/52/813-277 - E-mail: smsir@pu.t-com.hr

Lunedì, 17 Novembre 2014 00:00

Tema della settimana: La percezione della società

Nell'ambito della collaborazione con i docenti, abbiamo deciso di pubblicare il tema dell'alunno Ruben Finderle sulla percezione della società. 

Buona lettura

                Nel corso della storia comparvero molte rappresentazioni di una società ideale, giusta e pacifica, dove nessuno dovrebbe essere maltrattato o ignorato e tutti dovrebbero essere trattati come eguali. Purtroppo, ciò è frutto dell’ immaginazione umana, e la nostra società è lontana anni luce dalla realizzazione di quest’ idea.

Si può essere sicuri che c’è qualcosa che non va nel mondo se i media diffondono più notizie brutte che buone. Parlando dei media, loro cercano sempre di distorcere la realtà, corrotti da persone più potenti, che li manipolano a proprio gradimento; la gente così viene imbrogliata e incitata a credere in assurdità e così viene cambiata l’ opinione pubblica di un’ intera nazione, causando un’atmosfera generale depressiva e falsa. In questo modo, oltre alla corruzione, possono venir cambiate anche varie elezioni, portando persone incapaci al potere. Molti governi così rafforzano il proprio potere, si arricchiscono e rendono futile quasi ogni azione del popolo contro di loro. Si parla sempre di proteste che avvengono regolarmente nel mondo, ma poche riescono a cambiare qualcosa. La forza motrice oggi è il denaro, ed è per questo che il popolo, stressato da un ritmo di vita veloce, lo perseguita. Tutto ciò porta a un’ aura apatica e indifferente, dove il successo personale è l’obiettivo più importante. Siamo tutti burattini comandati da un burattinaio, bisogna solo tagliare i fili e combattere.

Anche se prevale il pessimismo nel mondo, c’è dell’ ottimismo per il quale vale sforzarsi e cercare di fare qualcosa. Bisogna unirsi, cancellare le differenze e gli stereotipi e combattere perché non è la gente che deve aver paura del proprio governo, è il governo che deve aver paura della propria gente.

                                                                                                                  

Ruben Finderle

III liceo generale