G. Carducci 20, 52210 Rovinj-Rovigno - Tel.: +385/52/813-277 - E-mail: smsir@pu.t-com.hr

Martedì, 14 Settembre 2021 19:01

Quando la professione diventa una missione di vita

Con il 1o di settembre il collettivo della Scuola media superiore italiana di Rovigno ha salutato tre colonne portanti della sua istituzione: la prof.ssa mentore Maria Sciolis, la prof.ssa consulente Silvana Turcinovich Petercol e la contabile, sig.ra Evelina Damuggia.

Il collettivo ha voluto ringraziare le colleghe per la loro dedizione, costanza, impegno e per il loro contributo durante tutti gli anni di servizio.

Queste poche righe non basteranno mai a ringraziarle per tutto quello che hanno realizzato e portato a termine per la nostra scuola, ma soprattutto per tutto quello che hanno trasmesso e insegnato a tantissime generazioni di alunni e colleghi.

Vogliamo augurare a tutte e tre un felice pensionamento.

 

La prof.ssa Maria Sciolis ha lavorato ininterrottamente per quarant’anni presso la Scuola media superiore italiana di Rovigno.

Ė nata a Pola nel 1956 ed ha frequentato la scuola elementare ed il ginnasio italiano a Rovigno.

Si è laureata nel 1981 presso l’Università di Zagabria in lingua e letteratura italiana e lingua e letteratura latina. Il 13 maggio del 1981 ha iniziato a lavorare presso la Scuola elementare italiana “Matteo Benussi Cio”di Rovigno, sostituendo alcuni colleghi in qualità di insegnante del doposcuola a Valle, insegnando italiano nella scuola elementare e latino al Centro medio dell'istruzione indirizzata.

Il 31 settembre del 1981 è stata assunta in qualità di docente di lingua italiana e latina presso il Centro scolastico dell’istruzione indirizzata (OBLA italiana e croata). Ha insegnato lingua latina nelle due OBLA e lingua italiana - lingua materna e lingua italiana come lingua dell’ambiente sociale e lingua italiana - come lingua dell’ambiente sociale a Canfanaro in una classe IV ed VIII. Quando il Centro scolastico dell'istruzione indirizzata si è diviso e ha dato il via alle tre scuole medie attuali, è stata assunta presso la Scuola media superiore italiana insegnando lingua italiana e latina. Nel gennaio del 1986 (assieme alla collega Graziella Ponis di Capodistria) è stata la prima insegnante di italiano per un corso di alfabetizzazione per i nostri connazionali a Plostine, in Slavonia. Dall'agosto del 1993 all'aprile del 1994 ha svolto la funzione di preside della Scuola media superiore italiana di Rovigno. Più volte è stata inclusa nei lavori delle Commissioni preposte alla revisione dei programmi d'insegnamento di italiano. Nel 2006 ha avuto l'incarico e poi la nomina da parte del CNEV (Nacionalni centar za vanjsko vrednovanje obrazovanja) di fare parte della Commissione preposta a stilare i test per gli esami della maturità statale di italiano e del Catalogo del sapere. Incarico che ha svolto con serietà ed abnegazione per tre anni.

Il 24 aprile 2007 da parte della Giunta Esecutiva dell'Unione Italiana ha ricevuto un riconoscimento in quanto membro della Commissione di esperti connazionali, nominati dagli organi ministeriali competenti, per la stesura del Catalogo del sapere della Lingua italiana per le Scuole elementari della Comunità Nazionale in Croazia e per aver partecipato alla stesura dei test del sapere d'italiano per i ragazzi delle classi ottave. 

Poiché per anni è stata l'unica insegnante di latino, insegnava sia nella scuola italiana che in quella croata, quando nel 1993 si è presentata l'occasione di valutare tramite una competizione il suo lavoro, ha fatto partecipare quattro suoi studenti alla prima competizione statale di lingua latina.

Per la professoressa fu quella un’occasione importantissima, non solamente per quanto concerneva lo studio della lingua classica ma soprattutto per far parlare delle scuole della nostra CNI.

Ha sempre trasmesso ai suoi alunni l'amore per la lingua latina, per la lingua italiana, il dialetto e la creatività.

Nell’ottobre del 2016 è stata nominata mentore per la lingua e letteratura latina, con una lezione modello in presenza del consulente per la lingua e letteratura latina Tonči Maleša di Zagabria.

Nello stesso anno ha insegnato “Esercitazione di lingua italiana” all’Università Juraj Dobrila di Pola.

Ha partecipato più volte al concorso d'arte “Istria Nobilissima” e nel 2002 ha conseguito il secondo posto con una raccolta di poesie in vernacolo e in seguito una menzione onorevole per una prosa scritta a quattro mani con la collega Ponis: “Plostine - un'esperienza di scuola e di vita”, nel 2017 ha vinto con una raccolta di liriche in rovignese e l’anno dopo un secondo premio sempre con un’altra raccolta di liriche sempre in rovignese.

Ha vinto anche al concorso letterario “Favalando a la ruvigniʃa”, bandito dalla Comunità degli Italiani “Pino Budicin” di Rovinj-Rovigno.

Per anni con la presenza dei suoi alunni alle competizioni Regionali a Pisino ha fatto parlare della scuola della nostra comunità nazionale, ottenendo anche degli ottimi risultati: i primi posti alla competizione regionale di Lingua latina, nonchè al livello statale, sia nel campo liceale che quello medico (per l’indirizzo Tecnico fisioterapista)

La professoressa mentore Maria Sciolis con il suo brio, il entusiasmo ed interesse per le novità ha saputo coinvolgere i suoi alunni ma anche i suoi colleghi in tutte le attività scolastiche ed exstrascolastiche, dando tutta se stessa, appassionando tantissime generazioni alla storia, alla cultura e all’identità che ci rende speciali.

La prof.ssa Silvana Turcinovich Petercol è nata a Pola nel 1956 ed ha frequentato la scuola elementare e media superiore italiana a Rovigno. Si è laureata in lingua e letteratura italiana e inglese presso la Facoltà di Filosofia di Zagabria nel 1980.

Dopo un'esperienza di lavoro triennale in qualità di bibliotecaria presso il Centro di Ricerche Storiche di Rovigno, nel 1983 è stata assunta in veste di insegnante di lingua italiana e inglese nella locale Scuola elementare “Juraj Dobrila” (ex “Savo Vukelić”).

Negli anni 1981-84 ha collaborato anche con la Scuola media superiore italiana insegnando la lingua inglese in qualità di supplente esterna. Nel 1987 è stata assunta in pianta stabile.

Durante tutta la sua carriera didattica ha sempre mostrato una forte motivazione e un grande entusiasmo per la professione scelta e nel 2002 è stata promossa a professoressa mentore per la lingua inglese.

Nel 2007 è stata nominata professoressa consulente, titolo riconfermato successivamente nel 2013 e 2018. Dal 2005 al 2020 la prof.ssa Silvana Turcinovich Petercol ha ricoperto l'incarico di presidente dei collegi professionali di lingua inglese delle Scuole medie superiori della Regione Istriana.

Nel 2005 ha partecipato al concorso “Istria nobilissima” con una raccolta di poesie, (Pensieri), ottenendo una menzione onorevole.

Lo stesso anno le è stato conferito il premio, Riconoscimento annuale, «Antonio Pellizzer».

Nell'arco della sua lunga esperienza didattica nella nostra scuola, la prof.ssa Turcinovich Petercol ha insegnato lingua e letteratura inglese in vari indirizzi (liceo, elettrotecnico, corrispondente con l’estero, economico, fisioterapista, commesso, ecc) e, per qualche semestre, anche lingua e letteratura italiana.

Si è sempre distinta per l'impegno e il senso di responsabilità nei confronti della propria professione nonché l'amore per la materia che ha insegnato. È stata mentore a numerosi studenti che hanno partecipato a competizioni scolastiche, regionali e nazionali raggiungendo risultati lusinghieri. Una di loro ha vinto pure il primo posto ad un concorso di scrittura creativa internazionale messo in palio dalla casa editrice Cambridge University Press.

La prof.ssa Turcinovich Petercol è stata anche per molti anni membro della commissione responsabile dell'organizzazione delle competizioni di lingua inglese a livello regionale.

Consapevole del valore prezioso che rappresenta l'istruzione e dell'importanza dell’innovazione didattica nell’insegnamento, la docente ha curato costantemente il proprio aggiornamento professionale, cercando di adattare continuamente il processo didattico affinché l’apprendimento non sia una mera esperienza nozionistica ma diventi invece un’esperienza didattica dinamica e creativa.

A tale scopo la docente ha promosso spesso varie forme di collaborazione didattica con diverse scuole europee attraverso gemellaggi elettronici eTwinning e progetti a distanza su vari argomenti: „20th-century tragedies“ (Le tragedie del XX secolo) dove la nostra scuola ha trattato il tema dell'esodo in Istria; „Women's position in contemporary society“ (La posizione della donna nella società contemporanea); „Planning a sustainable school“ (Progettare una scuola sostenibile); „Consumerism among young people“ ("Il consumismo tra i giovani). Gli ultimi due progetti hanno ricevuto pure il Certificato di Qualità nazionale eTwinning.

Grazie alla prof.ssa Turcinovich Petercol la nostra Scuola ha vinto due bandi di concorso ottenendo l’assegnazione di due finanziamenti europei per la realizzazione di partenariati scolastici multilaterali di cui è stata la coordinatrice.

Il primo è stato un progetto Comenius intitolato “Empowering Gender Equality” (Promozione dell'uguaglianza di genere) che ha visto la partecipazione di altre due scuole partner, il liceo “Carlo Baudi di Vesme” di Iglesias (Sardegna) e l'istituto “Augusta Bender Schule” di Mosbach (Germania). A conclusione dei lavori, hanno presentato i risultati della loro ricerca e la loro proposta ideale di legislazione europea ai rappresentanti della commissione europea per le pari opportunità (FEMM) di Strasburgo.

Il progetto ha ricevuto un riconoscimento a livello europeo ed è stato pubblicato come esempio di buona pratica sulle pagine web dell’Agenzia nazionale per la mobilità e i programmi europei.

Il secondo progetto è stato un partenariato strategico Erasmus+ sul tema del consumismo tra i giovani intitolato “European Teenage Consumers in a Globalized World” (Consumatori adolescenti europei in un mondo globalizzato), ha avuto la durata di due anni (2015 - 2017) e ha visto come scuole partner il liceo “Sofonisba Anguissola” di Cremona, l'istituto tedesco “Berufskolleg des Kreises” di Olpe e la scuola svedese “Välkommaskolan” di Malmberget. Accanto agli obiettivi specifici, ovvero educare i giovani ad un consumo etico e sostenibile basato su un approccio corretto degli acquisti, il partenariato ha dato la possibilità ai nostri ragazzi di comprendere le dinamiche economico-sociali e le strategie occulte del mercato come pure le contraddizioni della società europea, sempre più diversificata, multiculturale e globalizzata.

Durante tutti e due i partenariati, sono stati organizzati numerosi incontri transnazionali, laboratori, incontri e conferenze con le autorità cittadine, regionali e con autorevoli esperti nel settore di ricerca. I benefici e i vantaggi che hanno portato queste iniziative didattiche alla nostra scuola sono molteplici e per noi importanti. Oltre a motivare l'apprendimento e consolidare le abilità di base, i partenariati hanno permesso di migliorare le competenze trasversali, linguistiche, informatiche e comunicative dei nostri allievi, di vivere esperienze didattiche diverse e di approfondire determinati contenuti multidisciplinari in modo personale e diretto, attraverso contatti personali, visite a importanti istituzioni e al territorio.

La contabile, sig.ra Evelina Damuggia ha lavorato per vent’anni presso la nostra scuola occupandosi in modo impeccabile delle finanze e della contabilità della nostra scuola. Ha collaborato con tutte le scuole del rovignese e con quelle della CNI, rendendosi disponibile pure con le colleghe alle prime armi.

Grazie alla sua serietà, dedizione e senso di responsabilità la nostra scuola è sempre riuscita a portare a termine tutti i progetti prefissati.

Ringraziamo la nostra Evelina per tutto il suo contributo dato alla nostra scuola.